lunedì 5 maggio 2014

L'Orso nuotatore


L'Orso nuotatore.
Acquerello ed elaborazione digitale.

( https://www.facebook.com/ILLUSTRATI.logos/photos/a.10152365804456591.1073741920.234296331590/10152395407536591/?type=3&theater
Purtroppo l'immagine nel link vi risulterà differente poiché ho fatto una modifica in un secondo momento. )



Tutti gli orsi sono nuotatori provetti, ma lui più di tutti. Una delle due illustrazioni che ho eseguito per la selezione di Luglio della rivista Illustrati:

Apriamo di nuovo la selezione dal 17 aprile al 1 giugno 2014
ILLUSTRATI di luglio: IL NUOTATORE
 “Era una di quelle domeniche di mezza estate in cui tutti se ne stanno seduti e continuano a ripetere: "Ho bevuto troppo ieri sera" Si poteva udire i parrocchiani che lo bisbigliavano all'uscita della chiesa, si poteva udirlo anche dalle labbra del parroco, mentre si infilava faticosamente la tonaca nel vestibolo, si poteva udirlo nei campi di golf e di tennis, e anche nella riserva per la protezione della fauna, dove il presidente della locale associazione ornitologica era in preda a una feroce emicrania. "Ho bevuto troppo" gemeva Donald Westerhazy. "Tutti abbiamo bevuto troppo" gli faceva eco Lucinda Merrill. "Dev'essere stato il vino" osservava Helen Westerhazy. "Ne ho bevuto troppo di quel vino rosso." Ciò avveniva ai bordi della piscina di casa Westerhazy. La piscina, alimentata da un pozzo artesiano con un'alta percentuale di ferro, aveva l'acqua d'un pallido colore verdastro. Era una bella giornata. A occidente si vedeva una massiccia formazione di nuvole cumuliformi, ed era così simile a una città vista in lontananza dalla prua di una nave che s'avvicina, che si sarebbe potuto darle un nome, Lisbona o Hackensack. Il sole era caldo. Neddy Merrill era disteso vicino all'acqua verdognola, una mano immersa nell'acqua e l'altra stretta intorno a un bicchiere di gin. Era un uomo snello, con quella particolare snellezza della gioventù, e pur essendo tutt'altro che giovane, quel mattino era scivolato giù dalla ringhiera di casa sua, dando poi una pacca sul sedere della statua in bronzo di Afrodite sul tavolino nell'atrio mentre trotterellava verso l'odore del caffè in sala da pranzo. Merrill poteva essere paragonato a una giornata d'estate, in particolare alle sue ultime ore, e anche se non aveva una racchetta da tennis né una borsa da vela, evocava un'immagine di gioventù sportiva e di tempo clemente. Aveva appena finito di nuotare e ora respirava profondamente, come se volesse mandar giù nei polmoni tutte le componenti di quel momento, il calore del sole e l'intensità del suo piacere; sembrava che tutte venissero aspirate dentro il suo petto. Abitava a Bullet Park, una quindicina di chilometri a sud, dove le sue quattro splendide figlie dovevano aver terminato di pranzare e stavano forse giocando a tennis. In quel momento gli venne l'idea che, seguendo un percorso ad angolo in direzione sud ovest, sarebbe potuto arrivare a casa sua a nuoto.” – IL NUOTATORE di John Cheever.
https://www.facebook.com/notes/illustrati/il-nuotatore-selezione-luglio-2014/10152341099667692 )



Nessun commento:

Posta un commento